Diabete Mellito: Cause, conseguenze e possibili rimedi

0
62
Diabete Mellito
Diabete Mellito

Il diabete mellito è una malattia molto comune che interessa i livelli di zuccheri nel sangue. Essa dipende dalla quantità di insulina prodotta dal pancreas o dalla resistenza che le cellule dell’organismo hanno verso l’insulina stessa.

In che modo il corpo regola la normale quantità di glucosio?

Quando mangiamo tale quantità aumenta notevolmente perché il cibo viene convertito in glucosio (energia utilizzabile) e va nel sangue per essere trasportato nell’organismo. Le cellule del pancreas percepiscono l’aumento di glucosio e rilasciano insulina. L’insulina ha molte funzioni importanti, ma una delle principali è proprio quella di aiutare a ridurre i livelli di glucosio nel sangue. Riduce anche la glicemia stimolando un enzima del fegato che è responsabile della produzione di glicogeno, una riserva di glucosio che viene immagazzinata nel fegato e utilizzata in futuro quando c’è un periodo di ipoglicemia. Poiché l’insulina agisce sul corpo, la quantità di glucosio nel sangue ritorna lentamente al livello iniziale. La glicemia a digiuno è pari a 3,5-6 mmol / L (70-110 mg / dl). Subito dopo un pasto, la glicemia può raggiungere anche i 7,8 mmol / L (140 mg / dL) a seconda di quando e di quanto si mangia.

Cosa succede nei soggetti affetti da diabete mellito?

Esistono due tipi di diabete mellito, tipo 1 e tipo 2. In entrambi i tipi, l’organismo ha difficoltà a trasportare lo zucchero dal sangue alle cellule. Questo provoca un aumento di glucosio nel sangue e una carenza di glucosio nelle cellule. La principale differenza tra il diabete mellito di tipo 1 e di tipo 2 sta nel comportamento dell’insulina.

Diabete di Tipo 1

I diabetici di tipo 1 soffrono di una completa mancanza di insulina. Sebbene la causa esatta non sia stata identificata, è chiaro che le cellule che producono insulina vengono distrutte dal sistema immunitario. Ciò si verifica a causa dell’autoimmunità, un processo mediante il quale il sistema immunitario ritiene che alcune delle cellule del corpo siano estranee e distrugge. Quando l’organismo distrugge tutte queste cellule si manifestano i sintomi del diabete.

Diabete di Tipo 2

Le persone con diabete di tipo 2 producono insulina, ma le loro cellule hanno un elevato grado di resistenza all’insulina stessa. Quando le cellule diventano inizialmente resistenti all’insulina, il corpo ne aumenta la quantità prodotta per contrastare questo effetto e mantenere i livelli di glucosio in un intervallo normale. Infatti, i primi diabetici di tipo 2 hanno livelli più elevati di insulina nel loro corpo rispetto ai non diabetici. Alla fine l’organismo non può compensare abbastanza e i livelli di glucosio nel sangue iniziano a salire. Le cellule pancreatiche iniziano a produrre sempre più insulina e alla fine bruciano. Poiché il diabete di tipo 2 continua a progredire, i pazienti devono iniziare a prendere l’insulina per assicurarsi di averne abbastanza.

Quali sono i sintomi del diabete mellito?

Sintomi del Diabete di tipo 1

I classici sintomi iniziali del diabete di tipo 1 sono: forte sete, aumento della minzione, perdita di peso, fame e affaticamento. Con l’aumento dei livelli di glucosio nel sangue, il corpo cerca di rimuovere il glucosio in eccesso nelle urine e diluire il sangue aumentando l’assunzione di acqua.

Tuttavia, a molti pazienti viene diagnosticato quando è in uno stato chiamato chetoacidosi diabetica. Ciò si verifica quando le cellule usano meccanismi di produzione di energia alternativa, portando ad alti livelli di sottoprodotti chiamati chetoacidi. I chetoacidi acidificano il sangue, portando a pericolosi disturbi per la salute. La chetoacidosi diabetica causa dolore addominale, nausea, vomito e sonnolenza ed è una condizione potenzialmente pericolosa per la vita.

I sintomi del Diabete di tipo 2

I sintomi del Diabete Mellito di tipo 2 sono simili al tipo 1, ma generalmente si manifestano più tardi nella vita e hanno un inizio più graduale. Il 40% dei pazienti non ha sintomi. L’altro 60% può presentare aumento della sete e della minzione, chetoacidosi diabetica o una condizione denominata stato iperglicemico iperosmolare, uno stato di grave disidratazione che richiede il ricovero in ospedale.

Complicanze a lungo termine del diabete mellito

Molte delle principali complicanze del diabete, tra cui malattie coronariche, malattie cardiovascolari, malattie vascolari periferiche e malattie cerebrovascolari sono causate da danni ai vasi sanguigni più grandi. Livelli elevati di glucosio portano a infiammazioni croniche nel corpo, comprese le pareti delle arterie nel sangue. Questa infiammazione cronica porta all’aterosclerosi, un accumulo di una placca sulle pareti delle arterie. Inoltre, queste placche possono rompersi e portare alla formazione di un coagulo di sangue che blocca il flusso di sangue. Se ciò accade nel cervello o nel cuore, provoca un ictus o un infarto.

Cosa provoca l’elevato livello di glucosio nel sangue?

I livelli elevati di glucosio nel sangue possono anche danneggiare i vasi più piccoli del corpo, portando a molteplici complicanze cardiovascolari a lungo termine. Questo danno distrugge entrambe le cellule dei vasi sanguigni e porta ad una diminuzione del flusso sanguigno e alla morte dei tessuti. Il diabete scarsamente controllato può causare retinopatia diabetica (danno alla retina negli occhi, che porta alla cecità), nefropatia (danno ai reni con conseguente insufficienza renale), neuropatia (danno ai nervi, che può causare intorpidimento o formicolio) e gastroparesi ( disfunzione del sistema digestivo che causa vomito cronico e dolore addominale). Tutti questi sintomi sono causati dal danno indotto dal glucosio ai vasi sanguigni.

Gli effetti negativi sul sistema immunitario

Il diabete ha un grande effetto negativo sul sistema immunitario del corpo. Livelli elevati di glucosio aumentano l’attività delle cellule immunitarie. Queste cellule alla fine si esauriscono e desensibilizzano, diminuendo la loro efficacia contro gli agenti patogeni invasori. I diabetici scarsamente controllati sono più soggetti a gravi infezioni della pelle e hanno ricoveri ospedalieri più lunghi per infezioni come la polmonite o infezioni del tratto urinario.

Quali sono le cause principali del diabete di tipo 1?

Poichè la causa principale del diabete di tipo 1 è l’autoimmunità, i fattori ambientali sono probabilmente il più grande fattore di rischio. Il diabete di tipo 2, d’altra parte, è direttamente correlato all’obesità e alla dieta. Le persone in sovrappeso diventano sempre più resistenti all’insulina e hanno maggiori probabilità di contrarre il diabete. La forma fisica e una dieta sana sono gli aspetti più importanti della prevenzione del diabete di tipo 2. Entrambi i tipi di diabete hanno predisposizioni genetiche.

Quali sono i trattamenti efficaci per combattere il diabete di tipo 1?

L’unico trattamento efficace nel diabete di tipo 1 è la somministrazione di insulina poiché chi ne è affetto non la produce più. Esistono molti tipi diversi di insulina ma la più diffusa è un’insulina ad azione prolungata durante la notte, integrata da un’insulina ad azione rapida prima dei pasti. I regimi terapeutici più recenti includono l’uso di una pompa per insulina in cui i livelli di glucosio nel sangue vengono immessi in una macchina che utilizza un algoritmo per pompare l’insulina nell’organismo.

Quali sono i trattamenti efficaci per combattere il diabete di tipo 2?

I diabetici di tipo 2 hanno più opzioni terapeutiche: il trattamento iniziale per i diabetici di tipo 2 con malattia lieve è la modifica dello stile di vita: una dieta sana con esercizio fisico per aiutare a perdere peso. Se questo fallisce, il primo farmaco usato è tipicamente la metformina, un farmaco che impedisce al fegato di produrre glucosio in un processo chiamato gluconeogenesi. Aumenta anche il numero di recettori dell’insulina presenti sulle cellule, così esse risulteranno più sensibili all’insulina. Tra la metformina e la terapia insulinica vi sono un certo numero di farmaci che contribuiscono ad aumentare il rilascio di insulina dal pancreas. Questi includono sulfoniluree, inibitori della glucosidasi e glinidi.

In cosa consiste il Diabete Gestazionale

A volte, le donne incinte possono sviluppare il diabete durante la gravidanza, un processo chiamato diabete gestazionale. Questo di solito scompare dopo aver partorito, ma può persistere dopo la gravidanza. Il diabete gestazionale è simile al diabete di tipo 2: il segno distintivo di questa malattia è l’insulinoresistenza. Durante il secondo trimestre, le donne in gravidanza aumentano la loro resistenza all’insulina e hanno livelli più elevati di zucchero nel sangue, probabilmente aumentando la somministrazione di glucosio al feto. La maggior parte delle donne presenta un’elevata quantità di insulina prodotta dal pancreas, ma le donne con diabete gestazionale non possono produrne abbastanza e diventano diabetiche di tipo 2 durante tutta la gravidanza.

Quali sono le conseguenze letali del diabete mellito sul nostro organismo?

Il diabete può alterare la risposta del nostro corpo a determinate malattie. Ad esempio, i diabetici che hanno attacchi cardiaci hanno maggiori probabilità di presentare sintomi atipici (e spesso presenti senza dolore toracico del tutto). Questo è probabilmente in parte a causa di danni ai nervi. Molti diabetici hanno una neuropatia periferica, una condizione nervosa in cui avvertono un intorpidimento costante e formicolio alle dita dei piedi. Questi pazienti probabilmente hanno subito gravi danni ai nervi ad altre parti del loro corpo, incluso il loro cuore. I sintomi atipici portano ad un ritardo nella diagnosi di attacchi di cuore.